Articoli

Stampa

Newsletter n. 30 - maggio 2013

Postato in Newsletter dell'Aiccre

 
Newsletter dell'AICCRE - Associazione italiana per Consiglio dei Comuni e delle Regioni d'Europa - N. 30 Maggio 2013  
Registrazione del Tribunale di Roma n. 255 del 21 Luglio 2009 - Testata iscritta al n. 1041 del Registro degli Operatori della Comunicazione (Roc)  
Europeisti e federalisti, senza retorica

La festa dell’Europa del 9 maggio non deve essere all’insegna delle retorica, ma un’occasione per una riflessione politica seria sul futuro dell’Unione europea. Come ha giustamente scritto di recente Le Monde l’euroscetticismo, nelle sue molteplici forme – populismo, nazionalismo, sfiducia, risentimento, rivolta – si è espanso in tutta Europa. L’Unione europea appare divisa ed in una pericolosa fase di stallo: è assente una progettualità politica forte che faccia compiere l’ulteriore salto verso una federazione. Enrico Letta, Presidente del Consiglio, nel suo discorso di insediamento ha riaffermato l’obiettivo degli Stati Uniti d’Europa e della trasformazione dell’Unione economica e monetaria nell’indispensabile unione federale. Dal nuovo Governo, che annovera oltretutto molte figure europeiste, auspichiamo quindi che rispetti gli obblighi assunti in sede europea che completino, insieme principalmente a Francia e Germania, l’unione monetaria con l’unione economica e politica a partire dai paesi dell’eurozona. I parlamentari nazionali ed europei, e i rappresentanti di governo dell’Italia, tornino a svolgere un ruolo di stimolo ed iniziativa per contribuire a riformare i Trattati; dotare l’area euro di un’autonoma capacità di bilancio, alimentato da risorse fiscali autonome, distinta da quella dell’Unione; sciogliere il nodo della legittimità democratica a livello europeo; e ridefinire i rapporti istituzionali tra quei paesi che hanno adottato o adotteranno l’euro, e quelli che invece hanno deciso di mantenere la propria moneta nazionale. L’AICCRE per il 9 maggio ha organizzato, attraverso le sue Federazioni regionali, una serie di iniziative su tutto il territorio italiano finalizzate a rimettere al centro del dibattito politico la questione europea. L’iniziativa organizzata dall’AICCRE nazionale si svolgerà a Macerata, in Piazza Cesare Battisti: una festa popolare per l’Europa nel segno dei gemellaggi.

L’AICCRE si mobilita per l’Europa federale!

L’AICCRE parteciperà alla manifestazione “L’Europa siamo noi! Fai sentire la tua voce!”, prevista per il prossimo 11 maggio a Firenze dalle ore 15.00 in Piazza Indipendenza. Gli Stati Uniti d’Europa per superare la crisi! Perché dalla crisi si esce solo tutti insieme! L’evento si svolgerà nell’ambito della seconda edizione del Festival d’Europa, che si terrà dal 7 al 12 maggio 2013 a Firenze. La manifestazione di piazza coinvolgerà i cittadini, rappresentanti delle Istituzioni, del mondo sindacale ed imprenditoriale, partiti ed associazionismo. La crisi, secondo i promotori della manifestazione, non è dovuta all’esistenza dell’Euro, ma alla non-esistenza di un governo democratico europeo, capace di lavorare per la crescita e la solidarietà europee. Se si rompe l’unità monetaria, l’Europa è condannata all’impoverimento, al ritorno dei nazionalismi, alla perdita definitiva di sovranità nel contesto globale. Prima della manifestazione, sempre a Firenze, l’AICCRE, il Movimento federalista europeo, il Consiglio Italiano del Movimento europeo ed il Consiglio regionale della Toscana organizzano l’evento “CITTADINI EUROPEI SI DIVENTA” presso la Sala delle Feste della Regione Toscana, nel corso del quale si svolgeranno le premiazioni per i concorsi riservati alle scuole “Luciano Bolis, cittadini europei, cittadini del mondo” (AICCRE-MFE Toscana) e “Diventare cittadini europei” (CIME-AICCRE). Inoltre, proprio a Firenze l’Associazione svolgerà il proprio Consiglio nazionale. Tornando alla manifestazione di piazza, essa si concluderà con un comizio previsto per le 17.30 in Piazza SS Annunziata. Sono previsti numerosi interventi, tra i quali quelli di Michele Picciano, Presidente AICCRE, Enrico Rossi, Presidente Regione Toscana; Franco Spoltore, Segretario Movimento Federalista Europeo; Bernadette Ségol, Segretario generale Confederazione Europea dei Sindacati; Andrea Barducci, Presidente della Provincia di Firenze; Jo Leinen, Presidente International European Movement; Andrew Duff, Presidente Union of European Federalists; Giorgio Squinzi, Presidente Confindustria; Pier Virgilio Dastoli, Presidente Movimento Europeo-Italia; Matteo Renzi, Sindaco di Firenze.
Federazione Regionale Toscana, 50129 Firenze Via Cavour, 18 – Tel. +39 055 2387821-3 – fax +39 055 2387824 – cell.+39 3356480775 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. – aiccre.postacert.toscana.it - https://sites.google.com/a/crtoscana.it/aiccre-2

Invito.pdf - Programma.pdf - Volantino.pdf - Premiazione

9 maggio: premiamo l’Europa dei popoli

Una festa popolare per l’Europa nel segno dei gemellaggi si svolgerà il prossimo 9 maggio a Macerata, organizzata dall’AICCRE. In Piazza Cesare Battisti, infatti, sin dalla mattinata studenti, cittadini, amministratori locali marchigiani parteciperanno ad una manifestazione che politicamente intenderà sottolineare l’importanza che rivestono i rapporti di gemellaggio tra Enti locali europei nel processo di integrazione europea.
Saranno premiate le Sezioni francesi e tedesche del CCRE, in quanto proprio da questi due Paesi provengono il maggior numero di Comuni gemellati con i Comuni italiani. Inoltre, toccherà a dieci comuni marchigiani ricevere il premio per essere stati tra i primi nella Regione a promuovere un rapporto di gemellaggio: Ancona (1970), Arcevia (1972), Ascoli Piceno (1983), Fiuminata (1982), Macerata (1963), Pesaro (1964), Pesaro Urbino (1975), Senigallia (1981),Tolentino (1963), Loro Piceno (1986). Approfondisci

Nel segno dell’Europa

Venerdì scorso, 3 maggio, Michele Picciano e Vincenzo Menna, rispettivamente Presidente e Segretario generale dell’AICCRE hanno incontrato, presso la sede dell’Associazione a Roma, una nutrita rappresentanza dell’ Associazione svedese degli Enti locali e regionali (SALAR), guidata dal Presidente Anders Knape. Nonostante nell’Unione europea esista un preoccupante euroscetticismo, i dirigenti delle due Associazioni hanno manifestato sul futuro un moderato ottimismo, soprattutto alla luce del nuovo Governo presieduto da una indubbia figura europeista come Enrico Letta, il quale nel suo discorso di insediamento ha riaffermato l’obiettivo degli Stati Uniti d’Europa e della trasformazione dell’Unione economica e monetaria nell’indispensabile unione federale. Governo italiano che, anche per la sua prospettiva europeista, “è visto con estrema positività da quello svedese”, ha informato Knape.

Infrastrutture verdi: investimenti ad alto rendimento per la natura, la società e i cittadini

La Commissione europea ha recentemente adottato una nuova strategia per promuovere il ricorso alle infrastrutture verdi e far sì che il miglioramento dei processi naturali diventi parte integrante della pianificazione territoriale. Le infrastrutture verdi sono uno strumento di comprovata efficacia, che si serve della natura per ottenere benefici ecologici, economici e sociali. Per difenderci dalle alluvioni, ad esempio, invece di costruire nuove infrastrutture potremmo sfruttare la soluzione offerta dalle zone umide naturali, che assorbono l’acqua in eccesso provocata da piogge intense. La strategia varata verterà su alcuni punti, tra i quali: promuovere le infrastrutture verdi nelle politiche principali, ossia quelle in materia di agricoltura, silvicoltura, natura, acqua, ambiente marino e pesca, coesione sociale, mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici, trasporti, energia, prevenzione delle catastrofi e uso del suolo. Entro la fine del 2013 la Commissione metterà a punto degli orientamenti per indicare in che modo le infrastrutture verdi potranno far parte integrante di queste politiche nel periodo 2014-2020. Approfondisci

Giornata sicurezza stradale: ridurre incidenti mortali

Il contributo della Commissione europea alla settimana mondiale per la sicurezza stradale promossa dalle Nazioni Unite il 6 maggio è dedicato, quest’anno, alla sicurezza stradale dei pedoni. Delle 30 000 persone uccise sulle strade europee ogni anno (28 000 nel 2012) in media il 21% è costituito da pedoni, il 7% da ciclisti e il 18% da conducenti di motocicli e ciclomotori ed è nelle aree urbane che il 70% dei pedoni perde la vita. Desta preoccupazione il fatto che, negli ultimi 10 anni, il numero dei pedoni deceduti a causa di incidenti stradali non sia diminuito nella stessa misura del numero complessivo delle vittime della strada: quasi la metà di tutti gli incidenti stradali mortali coinvolge un pedone o un ciclista. La Commissione sta elaborando numerose misure legate, nello specifico, alla sicurezza degli utenti della strada vulnerabili e alla sicurezza stradale nelle aree urbane.

CdR: ECOS, più tutele nel mondo del lavoro

Qualche giorno fa la Commissione europea per l’economia e le politiche sociali (ECOS) del Comitato delle Regioni e dei poteri locali (CdR) ha adottato un parere che analizza il mondo del lavoro in vent’anni di mercato internazionale. è emersa la necessità di una legislazione comunitaria più aderente allo stato in cui versa l’economia attuale, specie dopo l’allargamento del 2004 e del 2007. Tra I temi più dibattuti c’è la parità di genere nel mondo del lavoro, il Piano d’azione che prevede il cosiddetto “Cars 2020” e l’ “Entrepreneurship 2020”, ovvero il Piano di investimenti per il 2013. La pressione fiscale sui lavoratori e le differenze tra I livelli di retribuzione all’interno dei singoli Stati membri possono causare uno scarto a livello sociale e rappresentare condizioni di lavoro negative. Occorre pertanto monitorare e aggiornare la situazione mediante una Piattaforma europea che consenta appunto lo scambio di informazioni e che coinvolga le istituzioni. La Commissione ha inoltre adottato un parere della Commissione europea che punta a stabilire la parità di genere nei ruoli chiave delle società finanziarie, in vista del raggiungimento della quota del 40% previste per il 2020. Il Piano europeo di investimenti che incoraggi gli Stati membri e assicuri le tutele dei lavoratori investendo nelle capacità degli individui. Una strategia di lungo periodo che possa far fronte ai cambiamenti che la crisi sta imponendo anche a livello demografico in Europa. Competitività e sostenibilità sono le parole d’ordine dell’industria europea. Le vendite nel settore automobilistico del primo quadrimestre 2013 sono in calo del 9% e le immatricolazioni sono scese dell’8.7% rispetto all’anno scorso. Il “CARS 2020” è stato messo discusso puntando al supporto degli Enti locali in merito alle innovazioni. (Valeriano Valerio)

Catena alimentare: proposto nuovo pacchetto normativo

La Commissione europea ha recentemente adottato una serie di provvedimenti per rafforzare l’applicazione delle norme in tema di salute e sicurezza lungo tutta la catena agroalimentare. La sicurezza degli alimenti è fondamentale per ottenere la fiducia dei consumatori e garantire la sostenibilità della produzione alimentare. Il pacchetto di provvedimenti prevede un’impostazione della tutela della salute moderna, semplice e più orientata alla gestione dei rischi nonché strumenti di controlli più efficaci per garantire l’effettiva applicazione delle norme che inquadrano il funzionamento della catena alimentare. Il pacchetto normativo risponde alla necessità di semplificare la legislazione e adottare norme più intelligenti che permettano di ridurre gli oneri amministrativi per gli operatori come pure la complessità della regolamentazione vigente. Particolare considerazione meritano le ripercussioni di tale normativa su PMI e microimprese, che vengono esonerate dagli elementi più costosi e complessi della legislazione.
La normativa dell’UE che disciplina attualmente la catena alimentare consta di quasi 70 atti legislativi. Il pacchetto di riforme adottato oggi ridurrà l’intera normativa UE a 5 atti legislativi e diminuirà la burocrazia legata a processi e procedure cui sono soggetti agricoltori, allevatori e operatori del settore alimentare (produttori, trasformatori e distributori), così da agevolare lo svolgimento delle loro attività professionali. Approfondisci

Giornalisti in crisi: interviene il Parlamento europeo

I giornalisti sono i guardiani della democrazia. Ma anche questa professione soffre a causa delle crisi economica, della rivoluzione digitale e dei social networks. Il Parlamento europeo sta lavorando attualmente su due relazioni riguardanti la libertà della stampa. L’obiettivo? Maggiore trasparenza e libertà d’informazione proprio quando più della metà dei cittadini europei ritiene che non ci si possa fidare della televisione e della stampa scritta. La prima relazione è seguita dalla deputata olandese Marietje Schaake. Essa mette in evidenza della lacune di certi media europei dal punto di vista etico e ricorda all’UE che prima di poter dare lezioni al resto del mondo, deve sistemare alcune cose al suo interno. Il rapporto passerà in plenaria a giugno. Il secondo rapporto, che verte sull’insieme delle norme per la libertà dei media in UE, si basa sulla Carta europea dei diritti fondamentali e invita all’armonizzazione delle autorità nazionali per garantire la loro indipendenza e imparzialità. Dovrebbe essere votata durante la plenaria di maggio. La relatrice è la deputata rumena Renate Weber.

AGENDA

AICCRE: Direzione Nazionale, Macerata, 9 maggio 2013

In concomitanza con la Festa dell’Europa, la Direzione Nazionale dell’AICCRE è convocata a Macerata, giovedì 9 maggio 2013 alle ore 11.00 in Piazza Cesare Battisti con il seguente ordine del giorno:
1.       Comunicazione del Presidente;

2.       Festa dell’Europa 9 maggio 2013.



 BANDI DI GARA E PROGRAMMI

Premio “Gianfranco Martini”

La Consulta nazionale Gemellaggi e Cittadinanza europea dell’AICCRE (Associazione italiana per il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa) intende promuovere, con il Premio “Gianfranco Martini”, l’assegnazione di un riconoscimento diretto a premiare risultati di eccellenza nell’ambito delle attività di gemellaggio e della cittadinanza europea. Il Premio è rivolto ai Comuni e agli altri Enti locali gemellati ed iscritti all’AICCRE che, con la loro attività, abbiano dato un significativo apporto di idee e di impegno a sostegno del processo di integrazione europea per un’unione sempre più stretta tra i popoli dell’Europa. Approfondisci

LIFE+ 2013

È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale comunitaria il bando di gara del Programma per l’ambiente LIFE+ del 2013, destinato ad enti pubblici e/o privati, operatori e istituzioni stabiliti negli Stati membri dell’Unione europea o in Croazia. Il bilancio complessivo per le sovvenzioni di azioni per i progetti ammonta a 278 000 000 di euro. Almeno il 50% dell’importo è assegnato a misure a sostegno della conservazione della natura e della biodiversità. Scadenza 25 giugno 2013. Approfondisci



 

Si invitano tutti gli Enti locali, le Pubbliche amministrazioni,
a mettere nel proprio link preferiti, il nostro sito www.aiccre.it

ADERISCI ALL'AICCRE!
Da 60 anni diamo voce alla tua Europa

L'AICCRE è l'unica Associazione che riunisce tutti il livelli di governo locale: Comuni, Province e Regioni, con l'intento di sostenere l'intero Sistema delle autonomie locali. Aderendo all'AICCRE: rafforzerai il ruolo delle autonomie locali in Italia ed in Europa, il tuo Ente entrerà in Europa dalla porta principale e parteciperai al progetto di costruzione per un'Europa unita e solidale. L'Europa è anche opportunità economica, con i suoi bandi, le sue linee di finanziamento, i suoi Programmi: soprattutto in un momento attuale di crisi economica, essi sono una fondamentale opportunità di sviluppo per il tuo territorio. Aderendo all'AICCRE, potrai cosi: creare progetti e ricevere finanziamenti europei; partecipare a corsi di formazione per utilizzare al meglio le opportunità che offre l'Unione europea; gemellarti con un altro comune europeo e, tra l'altro, stabilire partenariati per partecipare ai tanti bandi europei; promuovere e partecipare ad incontri internazionali e scambi di know-how; promuovere e partecipare a seminari sui temi che più interessano il tuo territorio. Aderendo all'AICCRE sarai quotidianamente e tempestivamente informato su: bandi di gara, linee di finanziamento, Programmi su: ambiente, agricoltura, pesca, cultura, trasporti, politiche sociali, imprese, sanità, turismo, sviluppo ed innovazione. Aderendo all'AICCRE potrai partecipare alle nostre tante iniziative: seminari, convegni, incontri, e tanto altro...

Informazioni, modalità per l'adesione e per le quote associative consultate il nostro sito interneto mandate una e-mail.

Approfondisci queste notizie su: www.aiccre.it

Direttore Responsabile: Giuseppe Viola
Responsabile Editoriale: Giuseppe D'Andrea
In redazione: Lucia Corrias, Anna Pennestri

Rivista telematica dell'AICCRE
Piazza di Trevi 86 - 00187 Roma, tel. 06.6994.0461 - fax 06. 6793.275 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.aiccre.it

Tutela della privacy/garanzia di riservatezza
L'AICCRE garantisce la massima riservatezza sui dati personali ai sensi della Legge 196/2003. Si impegna a non fornirli a terzi e a provvedere alla loro cancellazione qualora l'interessato ne faccia richiesta inviando una mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

 
Cancellami dalla Newsletter di EuropaRegioni.it
Stampa

NEWS LETTER N.24 - 2013

Postato in Newsletter dell'Aiccre

 

 
Newsletter dell’AICCRE - Associazione italiana per Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa - N. 24 Aprile 2013  
Registrazione del Tribunale di Roma n. 255 del 21 Luglio 2009 - Testata iscritta al n. 1041 del Registro degli Operatori della Comunicazione (Roc)  
Patto dei sindaci: il punto sull’iniziativa

Il Patto dei Sindaci ha pubblicato uno studio sul ruolo svolto dalle organizzazioni di supporto relativamente all’informazione ed al coinvolgimento di nuovi partners, nella promozione dell’iniziativa, che prevede l’impegno per i comuni di ridurre le emissioni di CO2 di almeno il 20% entro il 2020. Il Patto dei Sindaci conta oggi 82 organizzazioni di supporto, tra cui l’Aiccre, che ha sostenuto l’iniziativa attraverso la promozione di importanti iniziative. Nel quadro della Settimana europea per l’energia sostenibile il Patto dei Sindaci terrà, il 24 giugno prossimo, la sua 4a cerimonia annuale, cui sono invitati a partecipare eletti locali e regionali e tutti i soggetti interessati a livello locale regionale ed europeo per unirsi alla discussione ed allo scambio di esperienze sull’iniziativa, che entra nel suo quinto anno di attività. L’incontro sarà quindi occasione per fare il punto sui risultati raggiunti e per discutere dei futuri sviluppi. Approfondisci

Forum degli enti locali e regionali del Mediterraneo: la dichiarazione finale

La città di Marsiglia ha ospitato nei giorni scorsi il 3° Forum degli Enti Locali e Regionali del Mediterraneo, cui hanno partecipato circa 400 amministratori locali provenienti da ventiquattro paesi del Mediterraneo. L’incontro ha formalizzato la creazione del Consiglio politico della Commissione per il Mediterraneo della CGLU e la richiesta di una “primavera” mediterranea a favore dello sviluppo regionale a livello politico, economico e culturale, che crei le condizioni per rispondere alle aspirazioni dei giovani. Gli eletti locali e regionali del Mediterraneo hanno riaffermato la loro determinazione a contribuire alla creazione di uno spazio di pace, di solidarietà e di progetti concreti per i cittadini. Approfondisci

Un mercato unico dei prodotti verdi

La Commissione europea ha adottato una comunicazione dal titolo “Costruire il mercato unico dei prodotti verdi” in cui propone metodologie, valide in tutta l’UE, per la misurazione delle prestazioni ambientali per prodotti e organizzazioni. La proposta promuove due metodologie che consentono di misurare le prestazioni ambientali per tutto il ciclo di vita rispettivamente dei prodotti (Product Environmental Footprint – PEF) e delle organizzazioni (Organisation Environmental Footprint – OEF). La Commissione ha preannunciato una fase di prova di tre anni per consentire di sviluppare norme specifiche per prodotto e per settore nel quadro di un processo che coinvolge portatori d’interesse a diversi livelli, dando modo alle organizzazioni che si avvalgono di altre metodologie di valutare queste ultime. Approfondisci

GECT: l’AICCRE si mobilita

L’AICCRE predisporrà un piano di iniziative per attivare dei GECT in tutte le Regioni: è una delle conclusioni politiche più rilevanti emersa a seguito del seminario: “I Progetti GECT - Gruppi Europei di Cooperazione Territoriale - nel contesto della Macroregione Adriatico-Ionica”, organizzato recentemente dalla Federazione Emilia-Romagna dell’AICCRE, a cui hanno partecipato numerosi sindaci, amministratori e componenti la Direzione Nazionale dell’AICCRE. Approfondisci
 

Europa in città: da Pescara riparte il ciclo di incontri

Europa in città, il ciclo di incontri tra i cittadini e i rappresentanti delle Istituzioni europee, nazionali e locali, riparte da Pescara per l’edizione 2013. “Anno europeo dei cittadini: diritti e doveri” è il titolo dell’incontro che si terrà nella città il 19 aprile prossimo, dalle ore 9 alle 13, nell’Aula Magna Federico Caffè dell’Università degli studi G. d’Annunzio. All’incontro parteciperanno gli eurodeputati Gianni Pittella e Sergio Silvestris. Dopo Pescara ancora quattro tappe, previste a Milano, Cagliari, Bologna e Roma. L’iniziativa è promossa da Parlamento europeo, Commissione europea e Dipartimento Politiche Europee, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri. Tutti gli incontri del 2013 saranno dedicati all’Anno europeo dei cittadini. L’evento potrà essere seguito anche in streaming dal sito http://www.europaincitta.eu/streaming/ e sarà possibile partecipare alla discussione attraverso le piattaforme di Facebook (www.facebook.com/Europaincitta) e Twitter (https://twitter.com/Europaincitta).

Minori migranti: maggiori rischi di insuccesso scolastico

Uno scarso rendimento scolastico e una elevata probabilità di abbandono precoce sarebbero, secondo un recente studio commissionato dalla Commissione europea, sono i rischi cui vanno incontro i minori di recente immigrazione. Ai fini di una migliore integrazione lo studio propone che gli Stati membri forniscano un sostegno educativo mirato ai figli dei migranti, ad esempio attraverso insegnanti specializzati e un coinvolgimento sistematico dei genitori e delle comunità.
Lo studio esamina le politiche nazionali a sostegno dei minori di recente immigrazione relative a 15 paesi recentemente interessati da flussi migratori significativi. Secondo le conclusioni della ricerca, il modello migliore è quello della Danimarca e della Svezia, che si basa sull’offerta di un sostegno mirato e su un ragionevole livello di autonomia delle scuole. Gli altri paesi tendono a concentrarsi soltanto su uno di questi aspetti e il risultato è che non pervengono a una migliore inclusione dei figli dei migranti. Approfondisci

Una scuola europea per tutti! Firma anche tu

L’AICCRE ha aderito e sosterrà l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) sull’Educazione Europea di qualità elevata per tutti, proposta dall’Associazione MEET (Movement towards a European Education Trust). MEET raccoglie 12 Associazioni europee di insegnanti, genitori e scuole. Questa è l’unica ICE per la scuola pubblica, sia statale che paritaria, dalla primaria alla secondaria, perché tutti i genitori, non solo quelli dotati di buone disponibilità economiche, possano liberamente scegliere ed avere un’educazione di qualità elevata per i loro figli. Approfondisci

A scuola d’Europa

Il comitato di gemellaggio del Comune Bassomolisano, in collaborazione con la Federazione Molise dell’AICCRE e l’Istituto comprensivo Iovine di Bonefro, organizza una iniziativa in programma il 9 maggio, festa dell’Europa. Grazie alla cooperazione con alcuni docenti delle scuole, si è predisposto il progetto “l’Europa a scuola”. L’iniziativa, pensata come un ciclo seminariale, vuole offrire la possibilità ai ragazzi delle scuole di approfondire le tematiche legate al concetto di Europa: in sostanza vuole i ragazzi in condizione di concepire e conoscere il senso di Europa, non come concetto astratto, bensì come qualcosa di reale che influisce su buona parte delle loro attività. Approfondisci

AGENDA

AICCRE: convocata Direzione

La Direzione Nazionale dell’AICCRE è convocata a Roma, presso gli Uffici dell’Associazione, in Piazza Trevi 86, giovedì 18 aprile 2013 alle ore 10.30. Tra i punti all’ordine del giorno “il Piano d’azione per le elezioni europee 2014”.




 



 BANDI DI GARA E PROGRAMMI

Nuovi talenti per l’Europa: racconta la tua idea di cittadinanza

Nuovi talenti per l’Europa, è un progetto realizzato dalla RAI in collaborazione con Parlamento europeo, Commissione europea ed il Dipartimento per le Politiche Europee insieme al Ministero Affari Esteri, promosso per favorire una maggiore sensibilizzazione sul tema dei diritti della cittadinanza e dell’identità. “Siamo tutti europei”, è lo slogan del video promozionale del concorso che ricorda come ormai “abbiamo un mercato unico, votiamo i nostri rappresentanti e possiamo far sentire la nostra voce”. Il progetto chiede a tutti i partecipanti di girare un video di tre minuti raccontando la propria idea di cittadinanza europea.
La clip va inviata a Nuovi Talenti entro il termine del 3 giugno 2013. Sito Nuovi talenti

Carta Erasmus: invito a presentare proposte

La carta Erasmus per l’istruzione superiore (CEIS) definisce il quadro qualitativo generale in cui s’inscrivono le attività di cooperazione europea e internazionale che un’istituzione d’istruzione superiore può condurre nel contesto del programma. L’attribuzione di una carta Erasmus per l’istruzione superiore è la precondizione affinché le istituzioni d’istruzione superiore possano candidarsi a partecipare a iniziative di mobilità apprenditiva per i singoli e/o cooperazioni per l’innovazione e le buone pratiche nell’ambito del programma. Possono candidarsi ad una carta Erasmus per l’istruzione superiore le istituzioni di istruzione superiore stabilite in uno dei seguenti paesi: gli Stati membri dell’Unione europea; la Croazia; i paesi dell’EFTA-SEE (Islanda, Liechtenstein, Norvegia), l’ex Repubblica iugoslava di Macedonia, la Turchia, la Svizzera. Approfondisci

Concorso: “Diventare cittadini europei”

Lanciata la sesta edizione del Concorso del Movimento Europeo italiano e AICCRE dedicato al 9 maggio – Festa dell’Europa.
Anche quest’anno le scuole da ogni parte d’Italia possono partecipare con propri elaborati. Quest’anno in cui si celebra “l’Anno europeo dei cittadini 2013”. Approfondisci


 



 

Si invitano tutti gli Enti locali, le Pubbliche amministrazioni,
a mettere nel proprio link preferiti, il nostro sito www.aiccre.it

ADERISCI ALL’AICCRE!
Da 60 anni diamo voce alla tua Europa

L’AICCRE è l’unica Associazione che riunisce tutti il livelli di governo locale: Comuni, Province e Regioni, con l’intento di sostenere l’intero Sistema delle autonomie locali. Aderendo all’AICCRE: rafforzerai il ruolo delle autonomie locali in Italia ed in Europa, il tuo Ente entrerà in Europa dalla porta principale e parteciperai al progetto di costruzione per un’Europa unita e solidale. L’Europa è anche opportunità economica, con i suoi bandi, le sue linee di finanziamento, i suoi Programmi: soprattutto in un momento attuale di crisi economica, essi sono una fondamentale opportunità di sviluppo per il tuo territorio. Aderendo all’AICCRE, potrai così: creare progetti e ricevere finanziamenti europei; partecipare a corsi di formazione per utilizzare al meglio le opportunità che offre l’Unione europea; gemellarti con un altro comune europeo e, tra l’altro, stabilire partenariati per partecipare ai tanti bandi europei; promuovere e partecipare ad incontri internazionali e scambi di know-how; promuovere e partecipare a seminari sui temi che più interessano il tuo territorio. Aderendo all’AICCRE sarai quotidianamente e tempestivamente informato su: bandi di gara, linee di finanziamento, Programmi su: ambiente, agricoltura, pesca, cultura, trasporti, politiche sociali, imprese, sanità, turismo, sviluppo ed innovazione. Aderendo all’AICCRE potrai partecipare alle nostre tante iniziative: seminari, convegni, incontri, e tanto altro…

Informazioni, modalità per l'adesione e per le quote associative consultate il nostro sito interneto mandate una e-mail.

Approfondisci queste notizie su: www.aiccre.it

Direttore Responsabile: Giuseppe Viola
Responsabile Editoriale: Giuseppe D’Andrea
In redazione: Lucia Corrias, Anna Pennestri

Rivista telematica dell’AICCRE
Piazza di Trevi 86 - 00187 Roma, tel. 06.6994.0461 – fax 06. 6793.275 – email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.aiccre.it

Tutela della privacy/garanzia di riservatezza
L’AICCRE garantisce la massima riservatezza sui dati personali ai sensi della Legge 196/2003. Si impegna a non fornirli a terzi e a provvedere alla loro cancellazione qualora l’interessato ne faccia richiesta inviando una mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

 
Cancellami dalla Newsletter di EuropaRegioni.it
 
 
Stampa

NEWS LETTER N.22 - 2013

Postato in Newsletter dell'Aiccre

 

 

 
Newsletter dell’AICCRE - Associazione italiana per Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa - N. 22 Aprile 2013  
Registrazione del Tribunale di Roma n. 255 del 21 Luglio 2009 - Testata iscritta al n. 1041 del Registro degli Operatori della Comunicazione (Roc)  
GECT: l’AICCRE si mobilita

L’AICCRE predisporrà un piano di iniziative per attivare dei GECT in tutte le Regioni: è una delle conclusioni politiche più rilevanti emersa a seguito del seminario: “I Progetti GECT - Gruppi Europei di Cooperazione Territoriale - nel contesto della Macroregione Adriatico-Ionica”, organizzato recentemente dalla Federazione Emilia-Romagna dell’AICCRE, a cui hanno partecipato numerosi sindaci, amministratori e componenti la Direzione Nazionale dell’AICCRE. Approfondisci

Gemellaggi per l’Unione federale

Il gemellaggio è uno degli strumenti più collaudati per promuovere la cittadinanza europea e costruire un’Unione più coesa e federale. È la conclusione dei lavori del corso di formazione per i gemellaggi tenuto ad Ancona lo scorso 22 marzo presso la sede della Regione Marche ed organizzato dalla Federazione regionale dell’AICCRE.
Al corso hanno partecipato i dirigenti dell’AICCRE Marche ed i Comuni di Sant’Angelo in Vado, S. Paolo di Jesi, Apiro, Porto Sant’Elpidio, Loreto, Fratte Rosa, Grottammare, Fabriano, Montecopiolo, Apecchio, Jesi, Macerata, Ancona, Numana, Civitanova Marche, Fermo, Montemasciano, Pedaso, Fano, Pecchio. Approfondisci

Per non dimenticare

In occasione dell’Anno Europeo dei Cittadini, dopo la giornata sulla Shoa e la Deliberazione del Consiglio Provinciale di Reggio Calabria per il gemellaggio con il Distretto di Oswiecim, ai fini di rinsaldare i legami di amicizia tra i popoli europei, la Provincia di Reggio Calabria ed il Comune di Cosenza hanno organizzato il 9 maggio, anche con il contributo dell’AICCRE, un treno che da Reggio Calabria arriverà a Ferramonti di Tarsia. Parteciperanno, oltre alle autorità e ai volontari delle associazioni, i ragazzi delle scuole della Provincia di Reggio Calabria e cinque alunni delle scuole che hanno preso parte alla “Giornata della memoria” del 25 gennaio 2013 ed i ragazzi delle scuole del Comune di Cosenza. Approfondisci

AICCRE Toscana: XII edizione Seminario “Luciano Bolis”

Anche quest’anno il Presidente della Regione Toscana, il Presidente del Consiglio Regionale toscano e la Federazione Toscana dell’AICCRE hanno deciso di sostenere il Movimento Federalista Europeo (MFE) , la Gioventù Federalista Europea (GFE) l’Associazione Europea degli Insegnanti (AEDE) e la Casa D’Europa “Luciano Bolis” nell’organizzare insieme alle Amministrazioni Provinciali la 12a edizione del Seminario di Formazione Europeista e Federalista “Luciano Bolis”. Al seminario si accederà mediante concorso denominato “Cittadini Europei e Cittadini Del Mondo” e vi potranno partecipare tutti gli studenti dell’ultimo triennio delle scuole medie superiori. Approfondisci

A scuola d’Europa

Il comitato di gemellaggio del Comune Bassomolisano, in collaborazione con la Federazione Molise dell’AICCRE e l’Istituto comprensivo Iovine di Bonefro, organizza una iniziativa in programma il 9 maggio, festa dell’Europa. Grazie alla cooperazione con alcuni docenti delle scuole, si è predisposto il progetto “l’Europa a scuola”. L’iniziativa, pensata come un ciclo seminariale, vuole offrire la possibilità ai ragazzi delle scuole di approfondire le tematiche legate al concetto di Europa: in sostanza vuole i ragazzi in condizione di concepire e conoscere il senso di Europa, non come concetto astratto, bensì come qualcosa di reale che influisce su buona parte delle loro attività. Approfondisci

Gemellaggio, AICCRE: collaborazione tra comuni italiani e croati

Il punto nell’incontro di una delegazione AICCRE con ambasciatore croato
Si è svolto il 26 marzo, presso l’Ambasciata della Repubblica di Croazia a Roma, l’incontro di una delegazione dell’AICCRE, nelle persone del Presidente Michele Picciano, del Responsabile della Consulta gemellaggi, Giuseppe Valerio, del Segretario Generale aggiunto della Federazione AICCRE Puglia, Giuseppe Abbati, della Responsabile dell’Ufficio Gemellaggi e cittadinanza europea Marijke Vanbiervliet con l’ambasciatore Damir Grubisa e il Secondo Segretario Sonja Lovrek Velkov. Esaminata la situazione dei rapporti dei Comuni italiani con gli omologhi croati è stata espressa soddisfazione per i numerosi gemellaggi già effettuati ed è stato assunto l’impegno ad intensificare nuovi accordi. Allo scopo, sarà organizzato, per la fine del prossimo mese di aprile, un convegno sui gemellaggi ed i rapporti di collaborazione, da tenersi in Puglia, probabilmente nella regione del Gargano.

MFE: È l’ora della Federazione europea

Nei giorni 22-24 marzo 2013 si è tenuto a Milano il XXVI Congresso del Movimento Federalista Europeo (MFE), che ha ribadito l’impegno dei federalisti europei attivi in Italia a proseguire la Campagna per la federazione europea e ad attivare una Iniziativa dei cittadini europei per promuovere un piano straordinario europeo di sviluppo sostenibile e per l’occupazione. Ha rivolto un solenne monito alla classe politica, ai governi ed alle istituzioni europee a prendere atto, come si legge nella mozione approvata, - “che l’era dei rinvii, delle mezze misure e degli espedienti per conservare lo status quo nazionale ed europeo è finita; - che è tempo di realizzare la federazione, in quanto sono ormai in gioco i successi conseguiti in oltre sessant’anni di integrazione, il benessere delle generazioni attuali e di quelle future, l’ordine e la giustizia nella società, l’esercizio della sovranità popolare attraverso le istituzioni democratiche; - che per scongiurare i rischi della disgregazione dell’unione monetaria, del venir meno della solidarietà e delle prospettive di sviluppo, nonché del controllo democratico sulle decisioni da prendere nelle nostre società e a livello continentale, occorre che i governi, i Parlamenti, i partiti, i sindacati elaborino e presentino dei progetti concreti da sottoporre ai cittadini per sciogliere, per superare un’anacronistica difesa delle sovranità nazionali”. Approfondisci

Sviluppo urbano: pubblicato studio

La Commissione ha pubblicato uno studio relativo a progetti del Fondo europeo di sviluppo regionale che migliorano gli standard lavorativi e di vita nelle città europee. Lo studio, Sviluppo urbano nell’UE, illustra 50 progetti che hanno ottenuto un finanziamento del FESR, proponendo un opuscolo informativo riguardante specifiche città con notizie dettagliate su progetti e risultati. Lo studio raccoglie una serie di buone prassi urbane ed è un’«istantanea» che documenta come le città hanno attuato politiche urbane locali grazie al finanziamento del FESR nel periodo 2007-13. Le città in evidenza suggeriscono idee, soluzioni e metodi di cooperazione o collaborazione interessanti, che servono d’ispirazione per altre aree urbane e autorità di gestione. Molti tra i progetti inclusi nello studio saranno presentati a Bruxelles durante l’edizione 2013 degli OPEN DAYS - Settimana europea delle regioni e delle città, dal 7 al 10 ottobre. Approfondisci

Sistemi giudiziari: quadro di valutazione dell’UE

La Commissione europea ha presentato un nuovo strumento comparativo destinato a promuovere l’efficacia dei sistemi giudiziari nell’Unione europea e quindi a rafforzare la crescita economica. Il “quadro di valutazione europeo della giustizia” fornirà dati oggettivi, affidabili e comparabili sul funzionamento dei sistemi giudiziari nei 27 Stati membri dell’UE. Il miglioramento della qualità, dell’indipendenza e dell’efficienza dei sistemi giudiziari rientra già nel processo di coordinamento della politica economica dell’Unione nell’ambito del semestre europeo, finalizzato a gettare le basi per un ritorno alla crescita e alla creazione di posti di lavoro. Il quadro di valutazione della giustizia 2013 è incentrato sui parametri di un sistema giudiziario che contribuisca al miglioramento delle condizioni in cui operano le imprese e gli investitori. In particolare esamina gli indicatori di efficienza che riguardano le cause civili e commerciali e che hanno una rilevanza ai fini della soluzione del contenzioso commerciale. Analizza altresì il lavoro dei tribunali amministrativi, dato l’importante ruolo che svolge la giustizia amministrativa in un contesto imprenditoriale, per esempio per quanto riguarda il rilascio di licenze o le vertenze con le autorità fiscali o con le autorità nazionali di regolamentazione.

Ambiente: dialogo tra cittadini ed Unione europea

La quarta tappa dell’Anno europeo dei cittadini ha luogo oggi 5 aprile a Pisa e riguarderà ambiente, aria acqua, rifiuti, suolo e consumo sostenibile. L’iniziativa di dialoghi con i cittadini si sta svolgendo contemporaneamente in tutti i 27 Stati membri dell’UE. La popolazione mondiale aumenta costantemente mentre le risorse naturali come l’acqua, l’aria, l’ambiente, sono sempre più scarse. È un problema che riguarda da vicino il continente europeo, e l’Unione europea ha da tempo elaborato una strategia integrata per l’uso efficiente delle risorse. Come consumarle meglio, senza sprecarle e senza inquinare, traendo beneficio economico? sono le domande cui tutti cercano di rispondere. Per mettere a fuoco queste esigenze concrete nei confronti dell’Unione europea e per confrontarsi con i cittadini, le autorità locali sulle future sfide il Commissario europeo all’Ambiente Janez Potocnik sarà a Pisa il prossimo 5 aprile 2013 il quarto incontro tematico della serie dei dialoghi con i cittadini. L’iniziativa è promossa dalla Commissione europea in diverse città europee e italiane con l’obiettivo d’instaurare con i cittadini un dibattito diretto e senza filtri sulle politiche dell’Unione europea e sul futuro dell’Europa, in occasione dell’Anno europeo dei cittadini e in previsione delle elezioni europee del 2014.
Per facilitare la partecipazione, chiunque potrà seguire l’evento in diretta streaming e porre le proprie domande al Commissario via Twitter, utilizzando l’hashtag #EUdeb8.

ENPI: Politiche di partenariato, 200 milioni da investire

Ai 745 milioni stanziati per il 2007-2013 per il NIF (Neighbourhood Investment Facility), ovvero le politiche di partenariato con i Paesi a sud e ad est dell’Unione europea, la Commissione europea ne ha aggiunti altri 200 con l’intento di risollevare gli investimenti comunitari nel settore energetico e dei trasporti. Il commissario per le politiche di partenariato Štefan Füle ha sintetizzato lo spirito di questi interventi, sottolineando come il contributo per i partner internazionali mediante uno strumento vitale consente di fare la differenza in certe aree dove c’è bisogno di energia, trasporti e crescita sociale permettendo di sviluppare progetti e far fiorire un’economia. Aiuti europei e prestiti bancari dai maggiori istituti finanziari europei consentiranno di finanziare strumenti più competitivi nelle nazioni vicine e sosterranno, dunque, le infrastrutture per i progetti della Comunità europea. Incentivi, dunque, che andranno a foraggiare dallo sviluppo delle piccole e medie imprese nel Sud del Mediterraneo alla modernizzazione del sistema frontaliero in Armenia, dal supporto alla rete elettrica in Marocco ai finanziamenti locali per l’efficientamento energetico e le energie rinnovabili nell’Est europeo. Nell’ottica di uno sviluppo condiviso il NIF ha patrocinato 69 progetti per investimenti di oltre 18 bilioni di euro dal 2008 ad oggi. (Valeriano Valerio)

Premio Carlo Magno: vince anche progetto italiano

Il Premio Carlo Magno per la gioventù, istituito nel 2008 e promosso dal Parlamento europeo e dalla Fondazione Carlo Magno di Aquisgrana, si rivolge ai giovani tra i 16 e i 30 anni coinvolti in iniziative che promuovono la comprensione tra i popoli di diversi paesi europei. La finalità del Premio è di aumentare nei giovani europei il senso di comune appartenenza. Una giuria nazionale composta da due eurodeputati e un rappresentante delle organizzazioni giovanili, hanno selezionato un vincitore nazionale in ciascuno dei 27 Stati membri il 19 marzo. Tra questi è presente anche l’Italia con “1000 and 1 realities”, un progetto del Goethe-Institut che mira a promuovere la consapevolezza della diversità culturale, la tolleranza e il dialogo multiculturale. Entro il 25 aprile una giuria europea, composta da tre deputati e da Martin Schulz, Presidente del Parlamento europeo, nonché da quattro rappresentanti della Fondazione del Premio Internazionale Carlo Magno di Aquisgrana, sceglierà il vincitore tra i 27 progetti presentati dalle giurie nazionali. I rappresentanti dei 27 progetti nazionali scelti saranno invitati alla cerimonia di premiazione che si terrà ad Aquisgrana, Germania, il 7 maggio 2013. Il premio per il miglior progetto ammonta a 5000 €, il secondo a 3000 € e il terzo a 2000 €, per finanziare iniziative già svolte o avviate e che favoriscano la cooperazione tra giovani europei.

Erasmus for All e istruzione per la crescita e il lavoro

il Consiglio dell’Unione europea ha discusso di Erasmus for all, il programma rivisto di scambio per studenti, e del contributo dell’istruzione per la creazione di lavoro e crescita. Erasmus for All è la proposta di riunire insieme attività precedentemente coperte da una serie di programmi separati (Apprendimento Permanente, Erasmus Mundus e Gioventù in Azione), nonché attività legate allo sport, in un programma integrato per il 2014-2020. Il Consiglio ha raggiunto un accordo preliminare sul testo nel 2012 e un primo incontro informale tra il Consiglio (rappresentato dalla Presidenza irlandese), la Commissione e il Parlamento Europeo si è tenuto il 19 febbraio 2013. Raggiungere un accordo prima dell’estate permetterebbe alla Commissione di portare a termine l’importante lavoro di preparazione in tempo per fare iniziare il programma, come proposto, il 1 gennaio 2014. Approfondisci

CdR: Conferenza euro-indiana sulle “Città sostenibili” e “Missione europea” in India

Dal 4 al 6 aprile presso il Centro euro-indiano di Hyderabad nello Stato indiano di Andhra Pradesh si terrà il sesto summit euro-indiano. L’evento è patrocinato dal Comitato delle Regioni e dei poteri locali (CdR), organizzato in cooperazione con il Centro europeo per il commercio e la tecnologia e con l’Associazione indiana degli industriali. Il Governo indiano e la Camera di commercio europea supporteranno l’evento. Al centro della conferenza le “Città sostenibili”, ovvero la sostenibilità urbana delle città con una discussione che promette di affrontare temi a vasto raggio: dalle smart cities all’efficienza energetica, dal riciclo dei rifiuti alla gestione delle risorse idriche e del patrimonio urbano. Una “Missione europea” precederà la conferenza dal 1° al 3 aprile con l’obiettivo di approfondire le necessità e lo stato in cui versano gli Stati di Delhi e di Tamil Nadu dal punto di vista dello sviluppo urbanistico che l’Unione europea dovrebbe contribuire a migliorare. Rappresentanti degli Enti locali europei condivideranno tecnologie e pratiche di sviluppo con le controparti indiane. In chiusura, le rappresentanze saranno ricevute a Delhi dal Ministro indiano allo sviluppo e agli affari parlamentari Mr. Kamal Nath. (V.V.)



 BANDI DI GARA E PROGRAMMI

Invito a presentare proposte Carta Erasmus per l’istruzione superiore 2014-2020

La carta Erasmus per l’istruzione superiore definisce il quadro qualitativo generale in cui s’inscrivono le attività di cooperazione europea e internazionale che un’istituzione d’istruzione superiore (IIS) può condurre nel contesto del programma. Approfondisci

Concorso: “Diventare cittadini europei”

Lanciata la sesta edizione del Concorso del Movimento Europeo italiano e AICCRE dedicato al 9 maggio – Festa dell’Europa.
Anche quest’anno le scuole da ogni parte d’Italia possono partecipare con propri elaborati. Quest’anno in cui si celebra “l’Anno europeo dei cittadini 2013”. Approfondisci

 

Bando di gara per sostegno ad attività di informazione per i giovani e per le persone operanti nel settore della gioventù e le organizzazioni giovanili.

Il presente invito a presentare proposte si prefigge di sostenere progetti atti a promuovere azioni di informazione e comunicazione aventi una dimensione europea e destinati a giovani e leader giovanili, nel contesto dell’Anno europeo dei cittadini e nella prospettiva delle elezioni del Parlamento europeo nel 2014. A lungo termine, i progetti mirano ad incoraggiare i giovani a partecipare alla vita pubblica, nonché ad agevolare l’espressione del loro potenziale di cittadini europei attivi e responsabili. Approfondisci

Secondo programma Marco Polo

Invito a presentare proposte per azioni di trasferimento fra modi, azione autostrade del mare, azione di riduzione del traffico, azioni catalizzatrici e azioni comuni di apprendimento nell’ambito del secondo programma Marco Polo. Approfondisci

MEDIA

Invito a presentare proposte — EACEA/09/13 — MEDIA 2007 — Sostegno al video on demand e alla distribuzione cinematografica digitale. Approfondisci



 

Si invitano tutti gli Enti locali, le Pubbliche amministrazioni,
a mettere nel proprio link preferiti, il nostro sito www.aiccre.it

ADERISCI ALL’AICCRE!
Da 60 anni diamo voce alla tua Europa

L’AICCRE è l’unica Associazione che riunisce tutti il livelli di governo locale: Comuni, Province e Regioni, con l’intento di sostenere l’intero Sistema delle autonomie locali. Aderendo all’AICCRE: rafforzerai il ruolo delle autonomie locali in Italia ed in Europa, il tuo Ente entrerà in Europa dalla porta principale e parteciperai al progetto di costruzione per un’Europa unita e solidale. L’Europa è anche opportunità economica, con i suoi bandi, le sue linee di finanziamento, i suoi Programmi: soprattutto in un momento attuale di crisi economica, essi sono una fondamentale opportunità di sviluppo per il tuo territorio. Aderendo all’AICCRE, potrai così: creare progetti e ricevere finanziamenti europei; partecipare a corsi di formazione per utilizzare al meglio le opportunità che offre l’Unione europea; gemellarti con un altro comune europeo e, tra l’altro, stabilire partenariati per partecipare ai tanti bandi europei; promuovere e partecipare ad incontri internazionali e scambi di know-how; promuovere e partecipare a seminari sui temi che più interessano il tuo territorio. Aderendo all’AICCRE sarai quotidianamente e tempestivamente informato su: bandi di gara, linee di finanziamento, Programmi su: ambiente, agricoltura, pesca, cultura, trasporti, politiche sociali, imprese, sanità, turismo, sviluppo ed innovazione. Aderendo all’AICCRE potrai partecipare alle nostre tante iniziative: seminari, convegni, incontri, e tanto altro…

Informazioni, modalità per l'adesione e per le quote associative consultate il nostro sito interneto mandate una e-mail.

Approfondisci queste notizie su: www.aiccre.it

Direttore Responsabile: Giuseppe Viola
Responsabile Editoriale: Giuseppe D’Andrea
In redazione: Lucia Corrias, Anna Pennestri

Rivista telematica dell’AICCRE
Piazza di Trevi 86 - 00187 Roma, tel. 06.6994.0461 – fax 06. 6793.275 – email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.aiccre.it

Tutela della privacy/garanzia di riservatezza
L’AICCRE garantisce la massima riservatezza sui dati personali ai sensi della Legge 196/2003. Si impegna a non fornirli a terzi e a provvedere alla loro cancellazione qualora l’interessato ne faccia richiesta inviando una mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

 
Cancellami dalla Newsletter di EuropaRegioni.it

 

 

Cancellami dalla Newsletter di EuropaRegioni.it

 

 

Newsletter dell’AICCRE - Associazione italiana per Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa - N. 21 Marzo 2013  
Registrazione del Tribunale di Roma n. 255 del 21 Luglio 2009 - Testata iscritta al n. 1041 del Registro degli Operatori della Comunicazione (Roc)  

Cari amici la Newsletter riprenderà le pubblicazioni il 05 aprile 2013
Auguri di Buona Pasqua!

Italia federale in Europa federale

Riforma federale del sistema istituzionale amministrativo italiano e rafforzamento dell’azione per la costituzione di un’Europa federale: l’AICCRE chiede che questi temi entrino direttamente nel dibattito elettorale in corso. È emerso con evidenza che la crisi non può essere affrontata come ha fatto l’Unione europea intergovernativa e cioè adottando solo misure di drastico contenimento dei debiti cumulati dagli stati nazionali. Solo un assetto federale consentirà all’Unione europea di dotarsi di istituzioni democratiche sovranazionali e di un Governo europeo capaci anche di una politica di sviluppo, stabilendo regole per il mercato e liberandosi dalla prevaricazione della incontrollata finanza internazionale. Approfondisci

Sviluppo e cooperazione: si parte!

L’AICCRE dell’Emilia-Romagna ha recentemente organizzato a Bologna un incontro con i rappresentanti dei Comuni, della Regione e tutti gli altri Comuni interessati per discutere e predisporre programmi e iniziative sul tema dei GECT, Gruppi europei di cooperazione territoriale. “un grande successo di pubblico che testimonia l’interesse per queste forme di cooperazione tra Enti locali, soprattutto in tempi di crisi economica come l’attuale”. Approfondisci

L’Europa inizia dalla scuola

Più di trecento persone, studenti, amministratori locali, cittadini, hanno partecipato a Cerignola, in Provincia di Foggia, alla manifestazione per la consegna delle borse di studio agli studenti nell’ambito del concorso “60 anni dell’AICCRE”, organizzato dalla Federazione pugliese dell’Associazione. Approfondisci

Istruzione: tagli per effetto della crisi

Uno studio prodotto per la Commissione europea dalla rete Eurydice ha analizzato l’impatto della crisi economica sul finanziamento dell’istruzione in Europa a partire dal 2010. Lo studio considera i finanziamenti destinati a tutti i livelli dell’istruzione, dal pre-primario al terziario, in 35 sistemi educativi nazionali e regionali. Ne risulta una riduzione dell’investimento nell’istruzione in otto dei venticinque Stati membri esaminati, con tagli superiori al 5% in Grecia, Ungheria, Italia, Lituania e Portogallo e dall’1 al 5% in Estonia, Polonia, Spagna e Regno Unito (Scozia). Approfondisci

Rimpatrio volontario: fenomeno in crescita

Il rimpatrio volontario nel paese di origine per un immigrato è spesso una scelta difficile ed estrema; per sostenerlo esistono dei progetti, finanziati dal Fondo europeo sui rimpatri, ormai giunto alla sua quarta annualità. In Toscana sono diverse le associazioni e gli enti attivi, che fanno capo alla Rete Rirva (Rete italiana per il ritorno volontario assistito). Approfondisci

Pari opportunità, in concreto…

Svolto a Roma l’importante incontro sui contenuti del “Bilancio di genere”, la Carta che invita gli Enti locali e regionali ad utilizzare i loro poteri ed i loro partenariati per far crescere l’uguaglianza di uomini e donne nella vita degli enti territoriali. Approfondisci

Occupazione: 24 milioni erogati a titolo del FEG

L’Italia sarà uno dei sette Stati membri, insieme ad Austria, Danimarca, Finlandia, Romania, Spagna e Svezia che potranno beneficiare dei fondi erogati dall’Ue, per un totale di 24,2 milioni di euro, a titolo del Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione (FEG) destinato a 5.271 lavoratori dei paesi suddetti colpiti da licenziamento in una vasta gamma di settori – tra cui quelli automobilistico, motociclistico, dei telefoni cellulari, dei prodotti metallici, delle apparecchiature elettroniche e dell’assistenza sociale – che saranno sostenuti nel ritrovare un’occupazione. Approfondisci

Osservatorio delle Città inclusive presenta i migliori progetti

Una piattaforma virtuale volta a fornire assistenza tecnica ai governi locali: è l’Osservatorio delle Città Inclusive, creato dalla Commissione inclusione sociale, democrazia partecipativa e diritti umani della CGLU – Città e Governi Locali Uniti. La piattaforma è uno spazio di riflessione e analisi sulle politiche locali di inclusione sociale, che proponendo oltre sessanta case studies intende individuare e dar spazio alla presentazione di progetti di successo che possono ispirare altre città nell’attuazione di politiche di inclusione sociale. Approfondisci

Comitato economico e sociale europeo: una strategia UE per ridurre sprechi alimentari

A causa della crisi è cresciuto in Europa il numero di coloro che dipendono dall’assistenza sociale. L’aumentato fabbisogno è andato di pari passo con la diminuzione delle risorse delle banche alimentari. A fronte della drammatica situazione – 79 milioni i cittadini europei che vivono al di sotto della soglia di povertà – si assiste all’ingente spreco di generi alimentari, ogni anno fino al 30% nell’UE, lungo la catena di approvvigionamento alimentare. Approfondisci

Ambiente, Natura 2000: valutazione dei benefici economici

La rete Natura 2000 è costituita dai Siti di Interesse Comunitario, identificati dagli Stati Membri secondo quanto stabilito dalla Direttiva Habitat, che vengono successivamente designati quali Zone Speciali di Conservazione. Le aree che compongono la rete Natura 2000 non sono riserve rigidamente protette; la Direttiva Habitat intende infatti garantire la protezione della natura tenendo anche “conto delle esigenze economiche, sociali e culturali, nonché delle particolarità regionali e locali”. Soggetti privati possono essere proprietari dei siti Natura 2000, assicurandone una gestione sostenibile sia dal punto di vista ecologico che economico. Un rapporto pubblicato in questi giorni intende sostenere la consapevolezza circa i co-benefici economici offerti dalla rete e dai siti Natura 2000 e presenta i risultati di uno studio per lo sviluppo di un quadro metodologico per la valutazione di tali benefici, effettuandone al tempo stesso una prima valutazione. Scarica il rapporto

CdR: Conferenza euro-indiana sulle “Città sostenibili”

Dal 4 al 6 Aprile presso il Centro euro-indiano di Hyderabad nello Stato indiano di Andhra Pradesh si terrà il sesto summit euro-indiano. L’evento è patrocinato dal Comitato delle Regioni e organizzato in cooperazione con il Centro europeo per il commercio e la tecnologia e con l’Associazione indiana degli industriali. Il Governo indiano e la Camera di commercio europea supporteranno l’evento. Al centro della conferenza le “Città sostenibili”, ovvero la sostenibilità urbana delle città con una discussione che promette di affrontare temi a vasto raggio: dalle smart cities all’efficienza energetica, dal riciclo dei rifiuti alla gestione delle risorse idriche e del patrimonio urbano. Una “Missione europea” precederà la conferenza dal 1° al 3 aprile con l’obiettivo di approfondire le necessità e lo stato in cui versano gli Stati di Delhi e di Tamil Nadu dal punto di vista dello sviluppo urbanistico che l’Unione europea dovrebbe contribuire a migliorare. Rappresentanti degli Enti locali europei condivideranno tecnologie e pratiche di sviluppo con le controparti indiane. In chiusura, le rappresentanze saranno ricevute a Delhi dal Ministro indiano allo sviluppo e agli affari parlamentari Mr. Kamal Nath. (Valeriano Valerio)

Lo stato delle regioni europee a confronto

Nel 2010 il prodotto interno lordo (PIL) pro capite nelle regioni dell’Unione europea variava dal 26% al 328% rispetto alla media UE-27,secondo i dati diffusi in questi giorni da Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione europea. Secondo il rapporto di Eurostat, il PIL pro capite nelle regioni europee risultava superiore al 125% della media in più di una regione su 7 dell’Ue 27. Le regioni in testa alla classifica: Inner London nel Regno Unito (328% della media), il Granducato del Lussemburgo (266%) e Bruxelles (223%). Approfondisci


 BANDI DI GARA E PROGRAMMI

Europa, bell’ambiente…

Pubblicato sulla gazzetta ufficiale comunitaria l’importante bando di gara del Programma per l’ambiente LIFE+ del 2013, destinato ad enti pubblici e/o privati, operatori e istituzioni stabiliti negli Stati membri dell’Unione europea o in Croazia. Il bilancio complessivo per le sovvenzioni di azioni per i progetti ammonta a 278 000 000 di euro. Almeno il 50% dell’importo è assegnato a misure a sostegno della conservazione della natura e della biodiversità. Scadenza 25 giugno. Approfondisci

Concorso generations@school

Al via la seconda edizione del concorso generations@school 2013 che in occasione dell’Anno europeo dei cittadini invita insegnanti, studenti e persone di età più avanzata ad organizzare dibattiti sull’Europa, sul suo passato ma anche su quanto adulti e ragazzi possono fare insieme per costruire l’Europa del futuro. Approfondisci

Concorso: diventare cittadini europei

Lanciata la sesta edizione del Concorso del Movimento Europeo italiano e AICCRE dedicato al 9 maggio – Festa dell’Europa. Anche quest’anno le scuole da ogni parte d’Italia possono partecipare con propri elaborati. Quest’anno in cui si celebra “l’Anno europeo dei cittadini 2013”, quindi il titolo tradizionale del concorso “Diventare cittadini europei” appare particolarmente adatto a saranno richieste quindi riflessioni legate proprio prevalentemente a questo tema strategico per lo sviluppo ulteriore del processo di integrazione europea. Approfondisci

Diventare studenti… europei

L’AICCRE Abruzzo promuove la VI edizione del Concorso “Diventare cittadini europei”, riservato a tutti gli studenti delle scuole secondarie (di 1° e 2° grado), di ogni parte d’Italia. Gli obiettivi sono quelli di: invitare gli studenti a riflettere su iniziative e celebrazioni promosse dalle Istituzioni europee, che influiscono sulla vita dei cittadini ed, in particolare, dei giovani; sollecitare i ragazzi a documentarsi sul passato, l’attualità e il futuro del processo d’integrazione dell’Europa ed a riscoprirla come risposta ai loro bisogni e alle loro aspettative. I partecipanti al concorso dovranno fare pervenire i loro testi entro il 19 aprile 2013. Il bando_completo.pdf

Cittadinanza europea: concorso per studenti

Sei uno studente tra i 18 e i 25 anni? vuoi mettere alla prova la tua creatività? vuoi vincere un tablet? Non perdere l’occasione di partecipare al concorso “Tu 6 l’Europa”. L’iniziativa è promossa da Parlamento europeo, Commissione europea, Dipartimento Politiche Europee, insieme al Ministero degli Affari Esteri, e dall’Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali del Consiglio Nazionale delle Ricerche, con la collaborazione dell’Agenzia Nazionale LLP, in occasione dei 25 anni del programma Erasmus e dell’Anno europeo dei cittadini Approfondisci


 RASSEGNA STAMPA

PARLANO DI NOI: IL FATTO QUOTIDIANO:

L’EUROPA METTE IL DITO SULLA STRETTA DI ROMA AGLI ENTI LOCALI

 

 

Si invitano tutti gli Enti locali, le Pubbliche amministrazioni,
a mettere nel proprio link preferiti, il nostro sito www.aiccre.it

 

ADERISCI ALL’AICCRE!
Da 60 anni diamo voce alla tua Europa

L’AICCRE è l’unica Associazione che riunisce tutti il livelli di governo locale: Comuni, Province e Regioni, con l’intento di sostenere l’intero Sistema delle autonomie locali. Aderendo all’AICCRE: rafforzerai il ruolo delle autonomie locali in Italia ed in Europa, il tuo Ente entrerà in Europa dalla porta principale e parteciperai al progetto di costruzione per un’Europa unita e solidale. L’Europa è anche opportunità economica, con i suoi bandi, le sue linee di finanziamento, i suoi Programmi: soprattutto in un momento attuale di crisi economica, essi sono una fondamentale opportunità di sviluppo per il tuo territorio. Aderendo all’AICCRE, potrai così: creare progetti e ricevere finanziamenti europei; partecipare a corsi di formazione per utilizzare al meglio le opportunità che offre l’Unione europea; gemellarti con un altro comune europeo e, tra l’altro, stabilire partenariati per partecipare ai tanti bandi europei; promuovere e partecipare ad incontri internazionali e scambi di know-how; promuovere e partecipare a seminari sui temi che più interessano il tuo territorio. Aderendo all’AICCRE sarai quotidianamente e tempestivamente informato su: bandi di gara, linee di finanziamento, Programmi su: ambiente, agricoltura, pesca, cultura, trasporti, politiche sociali, imprese, sanità, turismo, sviluppo ed innovazione. Aderendo all’AICCRE potrai partecipare alle nostre tante iniziative: seminari, convegni, incontri, e tanto altro…

Informazioni, modalità per l'adesione e per le quote associative consultate il nostro sito interneto mandate una e-mail.

Approfondisci queste notizie su: www.aiccre.it

 

 

 

Stampa

NEWS LETTER N.21 - 2013

Postato in Newsletter dell'Aiccre

 

 

 

Newsletter dell’AICCRE - Associazione italiana per Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa - N. 21 Marzo 2013  
Registrazione del Tribunale di Roma n. 255 del 21 Luglio 2009 - Testata iscritta al n. 1041 del Registro degli Operatori della Comunicazione (Roc)  

Cari amici la Newsletter riprenderà le pubblicazioni il 05 aprile 2013
Auguri di Buona Pasqua!

Italia federale in Europa federale

Riforma federale del sistema istituzionale amministrativo italiano e rafforzamento dell’azione per la costituzione di un’Europa federale: l’AICCRE chiede che questi temi entrino direttamente nel dibattito elettorale in corso. È emerso con evidenza che la crisi non può essere affrontata come ha fatto l’Unione europea intergovernativa e cioè adottando solo misure di drastico contenimento dei debiti cumulati dagli stati nazionali. Solo un assetto federale consentirà all’Unione europea di dotarsi di istituzioni democratiche sovranazionali e di un Governo europeo capaci anche di una politica di sviluppo, stabilendo regole per il mercato e liberandosi dalla prevaricazione della incontrollata finanza internazionale. Approfondisci

Sviluppo e cooperazione: si parte!

L’AICCRE dell’Emilia-Romagna ha recentemente organizzato a Bologna un incontro con i rappresentanti dei Comuni, della Regione e tutti gli altri Comuni interessati per discutere e predisporre programmi e iniziative sul tema dei GECT, Gruppi europei di cooperazione territoriale. “un grande successo di pubblico che testimonia l’interesse per queste forme di cooperazione tra Enti locali, soprattutto in tempi di crisi economica come l’attuale”. Approfondisci

L’Europa inizia dalla scuola

Più di trecento persone, studenti, amministratori locali, cittadini, hanno partecipato a Cerignola, in Provincia di Foggia, alla manifestazione per la consegna delle borse di studio agli studenti nell’ambito del concorso “60 anni dell’AICCRE”, organizzato dalla Federazione pugliese dell’Associazione. Approfondisci

Istruzione: tagli per effetto della crisi

Uno studio prodotto per la Commissione europea dalla rete Eurydice ha analizzato l’impatto della crisi economica sul finanziamento dell’istruzione in Europa a partire dal 2010. Lo studio considera i finanziamenti destinati a tutti i livelli dell’istruzione, dal pre-primario al terziario, in 35 sistemi educativi nazionali e regionali. Ne risulta una riduzione dell’investimento nell’istruzione in otto dei venticinque Stati membri esaminati, con tagli superiori al 5% in Grecia, Ungheria, Italia, Lituania e Portogallo e dall’1 al 5% in Estonia, Polonia, Spagna e Regno Unito (Scozia). Approfondisci

Rimpatrio volontario: fenomeno in crescita

Il rimpatrio volontario nel paese di origine per un immigrato è spesso una scelta difficile ed estrema; per sostenerlo esistono dei progetti, finanziati dal Fondo europeo sui rimpatri, ormai giunto alla sua quarta annualità. In Toscana sono diverse le associazioni e gli enti attivi, che fanno capo alla Rete Rirva (Rete italiana per il ritorno volontario assistito). Approfondisci

Pari opportunità, in concreto…

Svolto a Roma l’importante incontro sui contenuti del “Bilancio di genere”, la Carta che invita gli Enti locali e regionali ad utilizzare i loro poteri ed i loro partenariati per far crescere l’uguaglianza di uomini e donne nella vita degli enti territoriali. Approfondisci

Occupazione: 24 milioni erogati a titolo del FEG

L’Italia sarà uno dei sette Stati membri, insieme ad Austria, Danimarca, Finlandia, Romania, Spagna e Svezia che potranno beneficiare dei fondi erogati dall’Ue, per un totale di 24,2 milioni di euro, a titolo del Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione (FEG) destinato a 5.271 lavoratori dei paesi suddetti colpiti da licenziamento in una vasta gamma di settori – tra cui quelli automobilistico, motociclistico, dei telefoni cellulari, dei prodotti metallici, delle apparecchiature elettroniche e dell’assistenza sociale – che saranno sostenuti nel ritrovare un’occupazione. Approfondisci

Osservatorio delle Città inclusive presenta i migliori progetti

Una piattaforma virtuale volta a fornire assistenza tecnica ai governi locali: è l’Osservatorio delle Città Inclusive, creato dalla Commissione inclusione sociale, democrazia partecipativa e diritti umani della CGLU – Città e Governi Locali Uniti. La piattaforma è uno spazio di riflessione e analisi sulle politiche locali di inclusione sociale, che proponendo oltre sessanta case studies intende individuare e dar spazio alla presentazione di progetti di successo che possono ispirare altre città nell’attuazione di politiche di inclusione sociale. Approfondisci

Comitato economico e sociale europeo: una strategia UE per ridurre sprechi alimentari

A causa della crisi è cresciuto in Europa il numero di coloro che dipendono dall’assistenza sociale. L’aumentato fabbisogno è andato di pari passo con la diminuzione delle risorse delle banche alimentari. A fronte della drammatica situazione – 79 milioni i cittadini europei che vivono al di sotto della soglia di povertà – si assiste all’ingente spreco di generi alimentari, ogni anno fino al 30% nell’UE, lungo la catena di approvvigionamento alimentare. Approfondisci

Ambiente, Natura 2000: valutazione dei benefici economici

La rete Natura 2000 è costituita dai Siti di Interesse Comunitario, identificati dagli Stati Membri secondo quanto stabilito dalla Direttiva Habitat, che vengono successivamente designati quali Zone Speciali di Conservazione. Le aree che compongono la rete Natura 2000 non sono riserve rigidamente protette; la Direttiva Habitat intende infatti garantire la protezione della natura tenendo anche “conto delle esigenze economiche, sociali e culturali, nonché delle particolarità regionali e locali”. Soggetti privati possono essere proprietari dei siti Natura 2000, assicurandone una gestione sostenibile sia dal punto di vista ecologico che economico. Un rapporto pubblicato in questi giorni intende sostenere la consapevolezza circa i co-benefici economici offerti dalla rete e dai siti Natura 2000 e presenta i risultati di uno studio per lo sviluppo di un quadro metodologico per la valutazione di tali benefici, effettuandone al tempo stesso una prima valutazione. Scarica il rapporto

CdR: Conferenza euro-indiana sulle “Città sostenibili”

Dal 4 al 6 Aprile presso il Centro euro-indiano di Hyderabad nello Stato indiano di Andhra Pradesh si terrà il sesto summit euro-indiano. L’evento è patrocinato dal Comitato delle Regioni e organizzato in cooperazione con il Centro europeo per il commercio e la tecnologia e con l’Associazione indiana degli industriali. Il Governo indiano e la Camera di commercio europea supporteranno l’evento. Al centro della conferenza le “Città sostenibili”, ovvero la sostenibilità urbana delle città con una discussione che promette di affrontare temi a vasto raggio: dalle smart cities all’efficienza energetica, dal riciclo dei rifiuti alla gestione delle risorse idriche e del patrimonio urbano. Una “Missione europea” precederà la conferenza dal 1° al 3 aprile con l’obiettivo di approfondire le necessità e lo stato in cui versano gli Stati di Delhi e di Tamil Nadu dal punto di vista dello sviluppo urbanistico che l’Unione europea dovrebbe contribuire a migliorare. Rappresentanti degli Enti locali europei condivideranno tecnologie e pratiche di sviluppo con le controparti indiane. In chiusura, le rappresentanze saranno ricevute a Delhi dal Ministro indiano allo sviluppo e agli affari parlamentari Mr. Kamal Nath. (Valeriano Valerio)

Lo stato delle regioni europee a confronto

Nel 2010 il prodotto interno lordo (PIL) pro capite nelle regioni dell’Unione europea variava dal 26% al 328% rispetto alla media UE-27,secondo i dati diffusi in questi giorni da Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione europea. Secondo il rapporto di Eurostat, il PIL pro capite nelle regioni europee risultava superiore al 125% della media in più di una regione su 7 dell’Ue 27. Le regioni in testa alla classifica: Inner London nel Regno Unito (328% della media), il Granducato del Lussemburgo (266%) e Bruxelles (223%). Approfondisci

 

 BANDI DI GARA E PROGRAMMI

Europa, bell’ambiente…

Pubblicato sulla gazzetta ufficiale comunitaria l’importante bando di gara del Programma per l’ambiente LIFE+ del 2013, destinato ad enti pubblici e/o privati, operatori e istituzioni stabiliti negli Stati membri dell’Unione europea o in Croazia. Il bilancio complessivo per le sovvenzioni di azioni per i progetti ammonta a 278 000 000 di euro. Almeno il 50% dell’importo è assegnato a misure a sostegno della conservazione della natura e della biodiversità. Scadenza 25 giugno. Approfondisci

Concorso generations@school

Al via la seconda edizione del concorso generations@school 2013 che in occasione dell’Anno europeo dei cittadini invita insegnanti, studenti e persone di età più avanzata ad organizzare dibattiti sull’Europa, sul suo passato ma anche su quanto adulti e ragazzi possono fare insieme per costruire l’Europa del futuro. Approfondisci

Concorso: diventare cittadini europei

Lanciata la sesta edizione del Concorso del Movimento Europeo italiano e AICCRE dedicato al 9 maggio – Festa dell’Europa. Anche quest’anno le scuole da ogni parte d’Italia possono partecipare con propri elaborati. Quest’anno in cui si celebra “l’Anno europeo dei cittadini 2013”, quindi il titolo tradizionale del concorso “Diventare cittadini europei” appare particolarmente adatto a saranno richieste quindi riflessioni legate proprio prevalentemente a questo tema strategico per lo sviluppo ulteriore del processo di integrazione europea. Approfondisci

Diventare studenti… europei

L’AICCRE Abruzzo promuove la VI edizione del Concorso “Diventare cittadini europei”, riservato a tutti gli studenti delle scuole secondarie (di 1° e 2° grado), di ogni parte d’Italia. Gli obiettivi sono quelli di: invitare gli studenti a riflettere su iniziative e celebrazioni promosse dalle Istituzioni europee, che influiscono sulla vita dei cittadini ed, in particolare, dei giovani; sollecitare i ragazzi a documentarsi sul passato, l’attualità e il futuro del processo d’integrazione dell’Europa ed a riscoprirla come risposta ai loro bisogni e alle loro aspettative. I partecipanti al concorso dovranno fare pervenire i loro testi entro il 19 aprile 2013. Il bando_completo.pdf

Cittadinanza europea: concorso per studenti

Sei uno studente tra i 18 e i 25 anni? vuoi mettere alla prova la tua creatività? vuoi vincere un tablet? Non perdere l’occasione di partecipare al concorso “Tu 6 l’Europa”. L’iniziativa è promossa da Parlamento europeo, Commissione europea, Dipartimento Politiche Europee, insieme al Ministero degli Affari Esteri, e dall’Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali del Consiglio Nazionale delle Ricerche, con la collaborazione dell’Agenzia Nazionale LLP, in occasione dei 25 anni del programma Erasmus e dell’Anno europeo dei cittadini Approfondisci

 

 RASSEGNA STAMPA

PARLANO DI NOI: IL FATTO QUOTIDIANO:

L’EUROPA METTE IL DITO SULLA STRETTA DI ROMA AGLI ENTI LOCALI

 

 

Si invitano tutti gli Enti locali, le Pubbliche amministrazioni,
a mettere nel proprio link preferiti, il nostro sito www.aiccre.it

 

ADERISCI ALL’AICCRE!
Da 60 anni diamo voce alla tua Europa

L’AICCRE è l’unica Associazione che riunisce tutti il livelli di governo locale: Comuni, Province e Regioni, con l’intento di sostenere l’intero Sistema delle autonomie locali. Aderendo all’AICCRE: rafforzerai il ruolo delle autonomie locali in Italia ed in Europa, il tuo Ente entrerà in Europa dalla porta principale e parteciperai al progetto di costruzione per un’Europa unita e solidale. L’Europa è anche opportunità economica, con i suoi bandi, le sue linee di finanziamento, i suoi Programmi: soprattutto in un momento attuale di crisi economica, essi sono una fondamentale opportunità di sviluppo per il tuo territorio. Aderendo all’AICCRE, potrai così: creare progetti e ricevere finanziamenti europei; partecipare a corsi di formazione per utilizzare al meglio le opportunità che offre l’Unione europea; gemellarti con un altro comune europeo e, tra l’altro, stabilire partenariati per partecipare ai tanti bandi europei; promuovere e partecipare ad incontri internazionali e scambi di know-how; promuovere e partecipare a seminari sui temi che più interessano il tuo territorio. Aderendo all’AICCRE sarai quotidianamente e tempestivamente informato su: bandi di gara, linee di finanziamento, Programmi su: ambiente, agricoltura, pesca, cultura, trasporti, politiche sociali, imprese, sanità, turismo, sviluppo ed innovazione. Aderendo all’AICCRE potrai partecipare alle nostre tante iniziative: seminari, convegni, incontri, e tanto altro…

Informazioni, modalità per l'adesione e per le quote associative consultate il nostro sito interneto mandate una e-mail.

Approfondisci queste notizie su: www.aiccre.it

 

 

 

Stampa

NEWS LETTER N.29

Postato in Newsletter dell'Aiccre

 

Newsletter dell'AICCRE - Associazione italiana per Consiglio dei Comuni e delle Regioni d'Europa - N. 29 Maggio 2013  
Registrazione del Tribunale di Roma n. 255 del 21 Luglio 2009 - Testata iscritta al n. 1041 del Registro degli Operatori della Comunicazione (Roc)  

Riforma enti locali: pensarla in chiave europea

Emilio Verrengia, Segretario generale aggiunto dell'AICCRE e vice presidente del Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa (CPLRE), ha proposto il 1 maggio di invitare a Strasburgo il ministro per gli affari regionali e delle autonomie, Graziano Del Rio. "Ho suggerito una visita del ministro Del Rio al Consiglio d’Europa – ha dichiarato Verrengia – data la sua grande esperienza di Presidente dell’ANCI e sindaco di Reggio Emilia". "Alla luce dei principi contenuti nella Carta Europea della democrazia locale – ha proseguito il dirigente dell'AICCRE- una visita del ministro Del Rio a Strasburgo sarebbe decisamente pertinente, in un momento in cui il nuovo governo italiano dovrà affrontare il riordino degli enti locali tra le priorità del programma appena annunciato".

Tutti uniti per l’Europa federale!

L’Europa siamo noi! Fai sentire la tua voce! Sabato 11 Maggio a Firenze, dalle ore 15.00, in Piazza Indipendenza, si terrà una grande manifestazione di piazza alla quale parteciperà anche l’AICCRE per lanciare un forte messaggio di unità e speranza: Gli Stati Uniti d'Europa per superare la crisi! Perché dalla crisi si esce solo tutti insieme! L’evento si svolgerà nell’ambito della seconda edizione del Festival d’Europa, che si terrà dal 7 al 12 maggio 2013 a Firenze. La manifestazione di piazza coinvolgerà i cittadini, rappresentanti delle Istituzioni, del mondo sindacale ed imprenditoriale, partiti ed associazionismo. La crisi, secondo i promotori della manifestazione, non è dovuta all’esistenza dell’Euro, ma alla non-esistenza di un governo democratico europeo, capace di lavorare per la crescita e la solidarietà europee. Approfondisci

Un Governo più europeista

Il vicepresidente nazionale dell’AICCRE Marco Flavio Cirillo ed il Presidente della federazione siciliana dell’Associazione Giuseppe Castiglione sono stati nominati ieri Sottosegretari del Governo Letta, rispettivamente all’ambiente ed all’agricoltura. Grande soddisfazione è stata espressa dalla dirigenza dell’AICCRE: “Il Governo si arricchisce con due personalità di indubbio spessore politico. Cirillo e Castiglione hanno maturato una vasta esperienza sul campo sia dell’Europa che delle amministrazioni locali. La conoscenza diretta delle problematiche del territorio unita ad una visione europeista, è il grande valore aggiunto che sapranno trasmettere all’intero Paese”.

Italia e Croazia: gemellaggi e cittadinanza

La Federazione pugliese dell'AICCRE ha organizzato il Convegno "I gemellaggi Italia – Croazia per il rafforzamento dei rapporti, lo sviluppo dei territori e la costruzione della cittadinanza europea", che si svolgerà a Rodi Garganico il prossimo 14 maggio presso l' Auditorium “F. Fiorentino” dell'Istituto Tecnico Commerciale “Mauro del Giudice”. Parteciperanno, tra gli altri: Michele Picciano, Presidente AICCRE; Giuseppe Valerio, Presidente consulta nazionale AICCRE gemellaggi e Segretario generale della federazione pugliese; Nicola Pinto, Sindaco di Rodi Garganico; Damir Grubisa, Ambasciatore della Repubblica di Croazia; Micky De Finis, Dirigente del Comitato per le azioni di gemellaggio della Provincia di Foggia; Giuseppe Abbati, vicesegretario AICCRE Puglia che relazionerà sui Gect; Emilio Gaeta, Presidente del Comitato permanente per le azioni di gemellaggio della Provincia di Foggia.

Premiamo l’Europa dei popoli

Una festa popolare per l’Europa nel segno dei gemellaggi si svolgerà il prossimo 9 maggio a Macerata, organizzata dall’AICCRE. In Piazza Cesare Battisti, infatti, sin dalla mattinata studenti, cittadini, amministratori locali marchigiani parteciperanno ad una manifestazione che politicamente intenderà sottolineare l’importanza che rivestono i rapporti di gemellaggio tra Enti locali europei nel processo di integrazione europea. Saranno premiate le Sezioni francesi e tedesche del CCRE, in quanto proprio da questi due Paesi provengono il maggior numero di Comuni gemellati con i Comuni italiani. Approfondisci

Diritti: nuovo servizio per i cittadini

Per aiutare i cittadini europei a capire i loro diritti è possibile usufruire del servizio “La Tua Europa - Consulenza”, un servizio della Commissione europea che offre consulenza giuridica gratuita e personalizzata nella propria lingua e in una settimana dalla richiesta. Il servizio è finalizzato a chiarire la normativa europea applicabile al singolo caso, spiegare in che modo è possibile esercitare i diritti e indicare quale organismo può offrire un ulteriore aiuto, se necessario. E’ possibile fissare un appuntamento con un consulente del servizio “La Tua Europa” presso la Rappresentanza della Commissione europea a Roma, in Via IV Novembre 149, 00157. Il consulente del servizio “La tua Europa” è un avvocato ed è disponibile su appuntamento per fornire informazioni e assistenza sui diritti dei cittadini nell'Unione europea. La prossima data di ricevimento del consulente è fissata al 24 Maggio dalle ore 10.00 alle ore 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00. E’ possibile inoltre consultare il servizio “La tua Europa” al seguente sito web e fare le richieste tramite un modulo on-line.

CdR: Budget europeo 2014-2020, l´impatto su Enti locali

Incontro al vertice tra Comitato delle Regioni e dei poteri locali (CdR) e la Banca europea d´investimenti. Il 65% dei capitali comunitari provengono dagli Enti locali che la crisi economica degli ultimi anni ha notevolmente eroso. Il suo impatto ha messo a dura prova il consolidamento dei bilanci in vista di Euro 2020, specie per quel che attiene alla crescita e alla sostenibilità. Per la prima volta anche il budget europeo per il periodo 2014-2020 é in diminuzione e questo causerà non pochi problemi agli investitori pubblici e privati, preoccupati di garantire la stabilità e il lavoro nel lungo periodo. Il Comitato e la Banca europea d´investimenti, supportate dalla Presidenza irlandese del Consiglio d´Europa, vuole rendere partecipi gli Stati membri di una discussione in programma il 13 maggio prossimo a Bruxelles. Saranno presenti Valcárcel, presidente del CdR, Hoyer, president della Banca d´investimenti, il Primo ministro del Lussemburgo Juncker e il Ministro irlandese Howlin. É altresì prevista una tavola rotonda sul tema “L´impatto della crisi sugli Enti locali” e sulla “Sicurezza finanziaria e gli interventi pubblici e private per migliorare la qualità degli investimenti”. Da questo incontro dovrebbero emergere: una piattaforma per la crescita europea in vista di Euro 2020 a livello di Enti locali, l´impatto che potrebbe avere questa piattaforma a livello economico in Europa, un´analisi dei fondi strutturali comunitari e degli strumenti finanziari a disposizione della Banca europea d´investimento, eventuali sviluppi e condivisione di buone pratiche di collaborazione tra pubblico e privati nella gestione dei finanziamenti ad ogni livello di governo. L´evento é indirizzato ai Governi centrali, agli Enti locali, agli organi più rappresentativi della Commissione europea, alle banche e agli istituti finanziari. É possibile accreditarsi qui entro il 5 maggio: http://selectsurvey-gen.cor.europa.eu/TakeSurvey.aspx?PageNumber=1&SurveyID=882J4o4&Preview=true(Valeriano Valerio)

L’Europa è ferma?

Il quarto numero di “Europa”, il supplemento realizzato in comune dai giornali Gazeta Wyborcza, The Guardian, Le Monde, El País, La Stampa e Süddeutsche Zeitung, è dedicato alla crisi di fiducia nell’Unione europea, che secondo i dati di Eurobarometro ha raggiunto livelli senza precedenti. Questo euroscetticismo, scrive Le Monde, nelle sue molteplici forme – populismo, nazionalismo, sfiducia, risentimento, rivolta – si è espanso in tutta Europa. Un tempo era appannaggio dei britannici. Oggi è alla radice della rivolta greca, del caos politico italiano, della disillusione francese, della frustrazione dei tedeschi, su cui oggi si concentra l’ostilità. Secondo il direttore de La Stampa Mario Calabresi siamo fermi, senza un’idea forte capace di restituire speranza, e soprattutto divisi come non siamo mai stati. [...] La crisi della costruzione europea e il ripiegarsi delle nostre società e del nostro modello sociale ha fatto emergere egoismi e antichi rancori. La religione unica dell’austerità non ha conquistato le menti ma ha freddato i cuori e allontanato i popoli. La ragione di questa disaffezione, scrivono su El Pais Mark Leonard e José Ignacio Torreblanca, sta soprattutto nel fatto che con il trattato fiscale e le profonde riforme chieste dalla Bce, gli eurocrati hanno oltrepassato diverse linee rosse in materia di sovranità nazionale ed esteso la loro influenza ben al di là della sicurezza alimentare per controllare pensioni, tasse, salari, mercato del lavoro e impieghi pubblici. Questi ambiti toccano il cuore degli stati sociali e delle identità nazionali. [...] In questo nuovo scenario i governi si succedono, ma le politiche restano fondamentalmente le stesse e non possono essere messe in discussione. Questa tendenza finirà per distruggere l’Unione? “Tutti sperano che con il ritorno della crescita l’euroscetticismo finirà per rifluire”, scrivono Leonard e Torreblanca, secondo cui tuttavia l’entusiasmo non rinascerà se l’Ue non cambierà radicalmente il suo atteggiamento verso gli stati membri e i cittadini. Questo “scontro tra democrazie”, questa opposizione nord-sud, realizza l’Europa a due velocità che era stata invocata in passato in tema di difesa, politica estera e libera circolazione, scrive la direttrice aggiunta del quotidiano spagnolo Berna González-Harbour, secondo cui è un fatto tragico, che non può neanche essere designato con la formula più pacifica delle due linee parallele che non si incontrano mai, ma neanche si scontrano. Le direzioni sono divergenti e vanno, nel migliore dei casi, verso il disaccordo. Le sei testate formulano qualche proposta per tirare l’Ue fuori dall’impasse, riassunte dal Guardian: dall’abolizione della sede del Parlamento europeo di Strasburgo all’esercito europeo, oltre a un’“euro-app” per smartphone e “un’idea forte che darebbe agli europei simboli e obiettivi che provocherebbero emozioni, attaccamento e solidarietà”.

Porte aperte sull’Europa

La giornata "porte aperte" dell'Unione europea è un momento per riflettere sui risultati ottenuti dall’Unione europea e su come farla funzionare meglio per tutti. Sono in programma dibattiti, agli eventi e alle iniziative per tutte le fasce d'età. Domani 4 maggio le istituzioni dell’Unione festeggeranno l’anniversario aprendo le loro porte al pubblico. Sono inoltre previsti altri eventi presso le rappresentanze della Commissione nei singoli paesi europei e in alcune delegazioni presenti in tutto il mondo. Ogni sede organizzerà diverse attività didattiche divertenti per adulti e bambini, tra cui concerti, spettacoli culturali e quiz. Domenica 5 maggio, la Commissione si unirà ai festeggiamenti della fête de l'Iris, che darà vita a concerti e spettacoli per le strade di Bruxelles. Il 9 maggio, in occasione della festa dell’Europa, il presidente della Commissione José Manuel Barroso e la commissaria europea Cecilia Malmström parteciperanno a Firenze a una conferenza sullo stato dell'Unione, per parlare delle attuali sfide economiche e dell'ulteriore integrazione dell'UE.

Scuola: nuovo studio della rete Eurydice

Un nuovo studio della Commissione Europea realizzato dalla rete Eurydice, fornisce informazioni dettagliate su insegnanti e personale scolastico, dalla scuola materna alla scuola superiore, compresi dati sull’età, il genere, gli orari di lavoro e i salari, in 32 paesi (Stati membri UE, Croazia, Islanda e Liechtenstein, Norvegia e Turchia). Copre sei temi: formazione iniziale degli insegnanti e supporto per gli insegnanti ad inizio carriera; assunzione, datori di lavoro e contratti; formazione continua e mobilità; condizioni di lavoro e salari, nonché livelli di autonomia e responsabilità di insegnanti e altro personale scolastico. Il rapporto unisce dati statistici e informazioni di tipo qualitativo derivante da dati primari forniti dalla rete Eurydice, dati Eurostat e dati raccolti da studi internazionali TALIS 2008, PISA 2009 e TIMSS 2011. Approfondisci

Accademia di Formazione del Movimento Europeo

Il Movimento europeo organizza un corso di formazione personalizzato sulle istituzioni europee, rivolto a studenti universitari da tutti i paesi UE, che intendono intraprendere una carriera in materia di affari europei. Il programma comprende visite alle istituzioni, incontri con professionisti delle organizzazioni di lobby, ONG, organizzazioni giovanili, partiti politici UE. Alla fine della settimana di studio, gli studenti avranno acquisito un’ampia panoramica sulle opportunità a loro aperte. Per ulteriori informazioni sul corso e le tariffe, visitare il sito indicato sotto. Scadenza per la registrazione: 13 Maggio 2013. Approfondisci 

Occupazione: proposto miglioramento applicazione del diritto alla libera circolazione

La Commissione europea ha proposto ieri misure atte a garantire una migliore applicazione della normativa europea in materia di diritti dei cittadini a lavorare in un altro Stato membro, facilitando nella pratica l'esercizio dei loro diritti. Attualmente permane il problema della scarsa consapevolezza delle norme UE da parte dei datori di lavoro sia pubblici che privati, a prescindere dal fatto che la legislazione nazionale sia conforme o meno. Tale scarsa consapevolezza o comprensione delle norme rappresenta una delle fonti principali di discriminazione fondata sulla nazionalità. Le persone inoltre lamentano di non sapere a chi rivolgersi nello Stato membro ospitante qualora insorgano problemi relativi al loro diritto alla libera circolazione. La proposta mira a superare questi ostacoli e a contribuire alla prevenzione della discriminazione nei confronti dei lavoratori sulla base della nazionalità proponendo soluzioni pratiche. Approfondisci

Parlamentari europei per un giorno

L'Ufficio d'Informazione in Italia del Parlamento europeo, in occasione della Festa dell'Europa 2013, organizza New generation EP, il progetto di simulazione delle attività del PE che promuove l'incontro di studenti di scuole italiane ed europee in Italia, per discutere, nella veste di eurodeputati per un giorno, delle speranze e dei progetti per l'Europa del futuro. I ragazzi, ospiti nella sede dell'Ufficio d'informazione in Italia del PE, trascorreranno una vera e propria giornata da deputati europei: si confronteranno in gruppi di lavoro, affronteranno temi importanti per il futuro dell'Unione e alla fine voteranno la risoluzione adottata. Il progetto consiste nel riprodurre il procedimento di adozione di una risoluzione che avrà come oggetto l'occupazione giovanile. In particolare, la simulazione sarà effettuata sul testo di risoluzione "Sull'occupazione e gli aspetti sociali nell'analisi annuale della crescita 2012", proposta dalla Commissione per l'occupazione e gli affari sociali e adottata mercoledì 15 febbraio 2012.

Politica di coesione: più occupazione e crescita secondo il rapporto Ue

La Commissione europea ha presentato un rapporto sui risultati della politica di coesione negli Stati membri. L’Ue avrebbe agito rapidamente all'inizio della crisi, nel 2008, con una serie di misure adottate per favorire l’utilizzo dei fondi strutturali. La riprogrammazione da un'area tematica all'altra ad esempio è stata resa più flessibile: il rapporto rileva che, entro la fine del 2012, circa 36 miliardi di euro, l’ 11% del totale dei fondi, sono stati orientati a sostenere i bisogni più urgenti. Ne sono esempi le recenti misure nei paesi più colpiti dalla disoccupazione giovanile, intese a sostenere giovani e imprese. Tra le altre misure anti-crisi adottate il miglioramento del flusso di cassa per le autorità di gestione per dare il via ai progetti in modo più rapido e la riduzione del cofinanziamento nazionale per i paesi con i maggiori deficit di bilancio. Il rapporto rileva una chiara evidenza che i programmi dei Fondi strutturali stanno raggiungendo risultati concreti, ma sottolinea la rilevanza delle profonde riforme in corso di negoziazione tra il Parlamento europeo e i governi dell'UE per la politica di coesione che includono una più strategica concentrazione delle risorse sulle priorità e maggiore attenzione ai risultati e alla valutazione. Approfondisci

Lavoro transfrontaliero: rapporto dell’AEBR

Si stima che in Europa i pendolari transfrontalieri siano tra i 400.000 e gli 850.000. L'Associazione delle regioni frontaliere europee (AEBR) ha realizzato un progetto, in parte finanziato dall’Ue, per migliorare l'accesso alle informazioni da parte dei lavoratori transfrontalieri in Europa. Il progetto inteso ad analizzare le barriere di accesso ai mercati del lavoro nelle regioni frontaliere europee è stato in particolare centrato sulle differenze di carattere fiscale e nella previdenza sociale. Il progetto è stato articolato in diverse fasi, a partire dallo studio e scambio di esperienze per individuare ed esaminare quali forme di servizi di consulenza per i lavoratori transfrontalieri esistono già in Europa, come funzionano e quali risultati e prospettive vi sono per tali infrastrutture. Dall’analisi della situazione attuale e delle migliori pratiche, si è passati alla formulazione di raccomandazioni per il miglioramento dei servizi di consulenza, quindi alla fase di diffusione e comunicazione per migliorare il livello di informazione per i cittadini delle zone di frontiera. I risultati dello studio sono sintetizzati nel rapporto conclusivo pubblicato dall’Associazione.


 BANDI DI GARA E PROGRAMMI

Apprendimento permanente

Invito a presentare proposte nell’ambito del programma per l’apprendimento permanente — Attuazione degli obiettivi strategici europei nel campo dell’istruzione e della formazione (IF 2020) (cooperazione tra parti interessate, sperimentazione e innovazione). Maggiori informazioni

Obiettivo cittadinanza

La Federazione lombarda dell’AICCRE ha promosso, in collaborazione con alcuni docenti delle Università lombarde, un Concorso a premi per tesi di dottorato sul tema: Il Processo di integrazione e unificazione federale dell’Europa, con particolare riferimento alla dimensione locale e regionale. Maggiori informazioni

 

 

Si invitano tutti gli Enti locali, le Pubbliche amministrazioni,
a mettere nel proprio link preferiti, il nostro sito www.aiccre.it

 

ADERISCI ALL'AICCRE!
Da 60 anni diamo voce alla tua Europa

L'AICCRE è l'unica Associazione che riunisce tutti il livelli di governo locale: Comuni, Province e Regioni, con l'intento di sostenere l'intero Sistema delle autonomie locali. Aderendo all'AICCRE: rafforzerai il ruolo delle autonomie locali in Italia ed in Europa, il tuo Ente entrerà in Europa dalla porta principale e parteciperai al progetto di costruzione per un'Europa unita e solidale. L'Europa è anche opportunità economica, con i suoi bandi, le sue linee di finanziamento, i suoi Programmi: soprattutto in un momento attuale di crisi economica, essi sono una fondamentale opportunità di sviluppo per il tuo territorio. Aderendo all'AICCRE, potrai cosi: creare progetti e ricevere finanziamenti europei; partecipare a corsi di formazione per utilizzare al meglio le opportunità che offre l'Unione europea; gemellarti con un altro comune europeo e, tra l'altro, stabilire partenariati per partecipare ai tanti bandi europei; promuovere e partecipare ad incontri internazionali e scambi di know-how; promuovere e partecipare a seminari sui temi che più interessano il tuo territorio. Aderendo all'AICCRE sarai quotidianamente e tempestivamente informato su: bandi di gara, linee di finanziamento, Programmi su: ambiente, agricoltura, pesca, cultura, trasporti, politiche sociali, imprese, sanità, turismo, sviluppo ed innovazione. Aderendo all'AICCRE potrai partecipare alle nostre tante iniziative: seminari, convegni, incontri, e tanto altro...

Informazioni, modalità per l'adesione e per le quote associative consultate il nostro sito interneto mandate una e-mail.

Approfondisci queste notizie su: www.aiccre.it

 

Direttore Responsabile: Giuseppe Viola
Responsabile Editoriale: Giuseppe D'Andrea
In redazione: Lucia Corrias, Anna Pennestri

Rivista telematica dell'AICCRE
Piazza di Trevi 86 - 00187 Roma, tel. 06.6994.0461 - fax 06. 6793.275 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.aiccre.it

Tutela della privacy/garanzia di riservatezza
L'AICCRE garantisce la massima riservatezza sui dati personali ai sensi della Legge 196/2003. Si impegna a non fornirli a terzi e a provvedere alla loro cancellazione qualora l'interessato ne faccia richiesta inviando una mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .